Collegamenti
     
  "L'orafo Giampaolo Babetto riunisce in sé e nelle sue opere due principi:
sia lui che i suoi gioielli sono contrassegnati dalla sensibilità e dalla
precisione. Entrambi questi principi si completano nella geometria che è
premessa fondamentale per una utilizzazione più sensibile e precisa
della forza creativa di Babetto. Qualunque sia il suo sviluppo artistico
anche in futuro sarà imperniato sui principi di sensibilità e precisione
legata alle tracce di antichissima magia ancora profondamente radicata
e che accompagna da sempre la creazione di un vero artista dell'arte
orafa".

Dr Fritz Falk     
Direttore del museo di Pforzheim     

"Giampaolo Babetto è senza dubbio un membro molto importante di un
piccolo, ma influente gruppo di orafi contemporanei che sta fornendo
dei contributi autentici allo sviluppo dell'arte dell'oreficeria. La gioielleria
da lui creata è sempre caratterizzata da un senso di grande delicatezza,
sostenuta da una tecnica ineccepibile. Il suo lavoro è pieno di bravure
nascoste ed astute, delizioso nelle trasformazioni di forma e di superficie
ed eloquente nel suo omaggio all'oro. Pochi artisti contemporanei hanno
usato il materiale così efficacemente. Credo che nella sua generazione
sia l'orafo italiano per eccellenza ed uno dei migliori in Europa.
Un orafo e un artista eccezionale".

David Watkins     
Professore Royal College of Art Londra     



ESTRATTO DELL'INTERVISTA CONTENUTA NELLA MONOGRAFIA DI
GIAMPAOLO BABETTO PRODOTTA DA AURUM:


Come creatore di gioielli artistici, dai priorità alla forma o alla funzione?

"Mi piace fare dei gioielli, nel senso che mi piace che siano portabili.
Secondo me un gioiello deve essere più interessante una volta
indossato, che non quando viene preso in mano. Però non voglio
essere limitato in partenza, mi piace partire da lontano, mi piace
partire da me stesso, lasciarmi andare attraverso il disegno, che è
una cosa che amo moltissimo a prescindere dal fatto che sia traducibile
in gioiello o meno. Dopodiché cerco di mettere insieme gli elementi
che vengono fuori dal disegno e dare loro una funzione. Il processo
non è esattamente un processo di design, è qualcosa dove, a un
certo punto, ti trovi una forma che pensi diventerà un gioiello. Credo
che sia il processo che segue uno scultore, solo che io dò una funzione
a quello che è una creazione artistica."

Cosa ti porta verso forme così sintetiche, che qualcuno definisce
"un'essenza matematica pur sempre poetica"?


"Ho sempre eliminato ogni tipo di decorazione dal mio lavoro, ho sempre
voluto una forma pulita, non tanto per scoprire una geometria o il
processo matematico che sta dietro alla forma, quanto perché mi
conviene in qualche modo usare una forma pura. Il mio lavoro non è
fatto di apparenza, vorrei che fosse qualcosa che nasce dall'interno,
che comunica un'interiorità, però voglio che rimanga discreta, voglio
che ci sia una rispondenza tra l'oggetto che realizzo e quello che sono
io. Poi uso delle forme geometriche pure perché mi sono congeniali
e cerco di sensibilizzarle, di comunicare me stesso a queste forme.
Anche il fatto che molte siano vuote è per questo motivo: il vuoto
interno crea una tensione esterna. Se una di queste forme fosse
piena sarebbe morta. La forma solida ma vuota dà all'oggetto una
apparenza massiccia e si ha una sensazione di grande leggerezza
quando la si prende in mano."


 
  Gioielli d'Autore
Padova e la Scuola dell'oro
Palazzo della Ragione
4 aprile - 3 agosto 2008

Visita il sito >>
Giampaolo Babetto nasce a Padova
(Italia) nel 1947. Studia all'Istituto
d'Arte Pietro Selvatico di Padova e
all'Accademia di Belle Arti a Venezia.
Dal 1967 espone in Italia, Germania,
Olanda, Belgio, Austria, Svizzera,
Gran Bretagna, Giappone, USA.
Presente nella Collezione del Museo
di Pforzheim. Vive e lavora ad Arquà
Petrarca (Padova).
Per approfondire >>
PREMI:
Herbert Hoffmann, 1975/1985.
Gran Prix Japan Jewellery
Design Association, 1983.
Medaglia d'Oro dello Stato
della Baviera, 1991.
Ring of Honour "Foundation
of the Ring of Honour of
the Association of Goldsmith's
Art", Hanau, 2003.
Career Excellence Award,
New York, 2003.
Via Aganoor 75, 35032 Arquà Petrarca (PD) Tel: +390429 718005

   E-mail: giababet@tin.it